1. Perdita di memoria che compromette la capacità lavorativa: Dimenticare appuntamenti importanti, nomi di persone e luoghi conosciuti da sempre. Ma dimenticanze sporadiche non devono preoccupare, sono quelle continuative che devono richiedere un’indagine.

 

2.  Difficoltà gravi nelle attività quotidiane:  ad esempio preparare un pasto e dimenticare di averlo fatto.

 

3. Problemi di linguaggio: Dimenticare parole semplici o sostituirle con parole improprie, difficoltà nel denominare oggetti conosciuti, difficoltà nell’interloquire con gli altri.

 

4. Disorientamento nel tempo e nello spazio: non orientarsi in luoghi conosciuti, non riconoscere la stagione o la data.

 

5. Diminuzione della capacità di giudizio: come indossare una vestaglia per fare la spesa, in generale affrontare compiti rispondendo con azioni inappropriate rispetto al contesto.

 

6. Difficoltà nel pensiero astratto: non riconoscere i numeri e fare i calcoli, difficoltà nell’esprimere un concetto complesso.

 

7. Mettere oggetti in luoghi singolari: difficoltà nello svolgere azioni quotidiane e nei gesti abituali, ad esempio mettere un telefono in un frigorifero.

 

8. Forti cambiamenti di umore:  senza ragione apparente varia l’umore in modo rapido.

 

9. Cambiamenti di personalità: da tranquilli a irascibili, da fiduciosi a diffidenti.

 

10. Cambiamento del comportamento: mancanza di iniziativa, depressione, modificazione del comportamento alimentare e comportamenti inopportuni e inusuali.

Share →

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>